Cartoline da Villafranca

Frati Cappuccini

Il 28 gennaio 1586 (da documentazione dell’archivio della provincia di Venezia) fu fondato il monastero dei cappuccini di Villafranca e in quel giorno vi piantarono la croce. Il terreno, la chiesa e il monastero furono edificati a spese della comunità villafranchese che provvide pure al mantenimento dei frati; già nel 1588 il convento poteva ospitare numerosi frati e forestieri. Consisteva nel piano superiore in dodici celle per i frati e sei per i forestieri, nel piano inferiore c’era il refettorio, la caneva, e la cucina. Iniziò pure la costruzione della nuova che venne consacrata nel 1599 dal reverendissimo Alberto Valier vescovo di Famagosta e coadiutore perpetuo del Cardinale Agostino Valier vescovo di Verona. La chiesa abbastanza vasta, per quei tempi, misurava diciotto metri di lunghezza, più il presbiterio, il coro e a destra la cappella della Madonna. Il complesso sorgeva in Via Custoza (l’attuale Piazza IV novembre) e vi rimase fino al 1810 quando Napoleone Bonaparte soppresse gli ordini religiosi e ne incamerò i beni.

 

Per ulteriori e dettagliate notizie vai:


Guida Villa Franca: da pag. 36 a pag. 41;
Villafranca di Verona: da pag. 142 a pag. 147;
Oratorio di San Rocco: da pag. 139 a pag. 148;