Arte e Cultura

Bozzi Vittorio

L’alpino tipografo


Noto come l’alpino tipografo per aver realizzato la stampa di un foglio di guerra in una grotta a 3.400 metri di altezza fra le trincee della Grande Guerra al Corno di Cavento sull’Adamello. Apprendista tipografo con la passione della scrittura, arruolato in giovane eta nel 6o Reggimento Alpini di stanza a Verona fu aggregato al fronte tra le nevi dell’Adamello dove con l’aiuto dell’amico tenente Marcello Garagnini, pure lui tipografo, fondo il giornalino “La Mitraglia”. Giornalino distribuito in trincea composto di un foglio piegato in due, quattro paginette, unico contatto tra i soldati e i loro affetti più cari. L’ultimo numero si chiuse con la notizia della vittoria di Vittorio Veneto e la fi ne della guerra. Al rientro a Villafranca di dedico con entusiasmo alla sua attività di tipografo
competendo, negli anni Trenta, con Arnoldo Mondadori. Nel 1944 dopo che la casa di abitazione e la tipografi a erano state distrutte dai bombardamenti, si risollevo riprendendo l’attività ed integrando i pronipoti Enrico e Davide nell’azienda che, per destino, ha sede in via Adamello a Villafranca. Il suo
impegno, da buon alpino, si rivolse anche nell’ambito civile; fondo e ne fu presidente per molti anni dell’Associazione Nazionale Alpini Sezione di Villafranca, si impegno nella realizzazione dei giardini pubblici nel vallo del castello scaligero che ora portano il suo nome. Alla sua morte dono al Comune
di Villafranca la sua casa che dal 1980 e sede della Cooperativa Centro di Socializzazione per attività diurne in favore di persone con disabilita. Nel 2013 la Fondazione Histoire, socio della Cooperativa, ha acquistato l’immobile dal Comune mantenendo sempre il vincolo per attività  a favore d