Arte e Cultura

Gaiardoni Sante

Villafranca di Verona 29-6-1939


Ciclista
La potenza esplosiva dei suoi muscoli da supervelocista gli ha consentito di realizzare grandi affermazioni, in particolar modo da dilettante. In un palmares eccezionale, fanno spicco i due titoli
di campione olimpionico ottenuti a Roma nel ‘60 (velocità e chilometro, 1’07’27 record mondiale e olimpico) ai quali aggiunge, in quella stessa stagione, il titolo mondiale sulla pista di Lipsia
dopo essere stato 2° nel ‘58 e ‘59. In campo nazionale conquista il titolo tricolore del tandem nel ‘58 (con Bianchetto) e nel ‘59-60 (con Zanetti) mentre nei Giochi del Mediterraneo ‘59 si impone sia nello sprint che nel chilometro. Fà razzia di Gran Premi: il Trofeo Gardiol ‘57, Aarhus ‘58, Londra
‘59, Parigi ‘60, Copenaghen ‘60 e il Memorial Ellegaard ‘60. Come professionista (1961-70) emorabili match con Maspes sulla pista di Rocourt nel ‘63 dove riesce a conquistare il suo unico titolo mondiale (2° nel 1962 e ‘70, 3° nel ‘66 e ‘69). Campione d’Italia di velocità nel ‘64, fa incetta di Gran Premi nel 1961 vincendo a Roubaix, Amsterdam, Aarhus e Roma.
Vive a Milano.